|  IT  |  DE  |  EN   |
Ladinia Tours
Ladinia Panorama
Ladinia 3D
> Homepage > Il regno dei Fanes


Il regno dei Fanes. 

Il regno dei Fanes

Sentiero tematico “Le leggende di Fanes” a San Vigilio“Il Regno dei Fanes” rappresenta di certo una delle leggende più ricche e complesse della tradizione ladina dolomitica. Si tratta dell’unica saga nata sul territorio italiano che sia vagamente paragonabile ai grandi cicli leggendari europei, come quello arturiano o quello nibelungico. Fu raccolta e trascritta verso la fine dell’800 da Karl Felix Wolff.

La conservazione del materiale riguardante le leggende intorno ai Fanes si deve principalmente all'opera di Karl Felix Wolff, giornalista ed antropologo austriaco. La passione per i racconti popolari e le tradizioni orali degli abitanti delle Dolomiti nacque grazie alla badante originaria della Val di Fiemme, che usava cantargliene spezzoni. Dedicó gran parte della sua vita ad esplorare le valli dolomitiche, raccogliendo racconti, fiabe, leggende e testimonianze, con l'intento di trascriverle e pubblicarle. Si imbatté nel nucleo dei Fanes per la prima volta in Val di Fassa, ma lo incontrò anche successivamente in forme diverse nelle altri valli ladine. Wolff era convinto di avere di fronte a sé un materiale che si discostava dalle altre leggende e fiabe, spesso riconducibili alla tradizione fiabesca germanica. Scorse infatti motivi più vicini al mito e probabilmente riconducibili ad epoche più antiche, come la presenza di animali totemici o personificazioni di sole, luna e morte. La ricostruzione del materiale, estremamente frammentato e a tratti confuso lo impegnò per un lungo periodo della sua carriera. I primi accenni appaiono sotto forma di appunti nel 1907, la prima versione ufficiale è del 1932, mentre è del 1941 l'edizione definitiva.

 

Il re traditore dei Fanes pietrificato sulle montagne del LagazuoiLa leggenda narra dell'espansione e del declino del Regno dei Fanes, in origine un popolo mite, caratterizzato dall'allanza con le marmotte dell'omonimo altipiano: quando però la Regina sposó un Re straniero avido e bellicoso che arrivò a sostituire con un'aquila lo stemma dei Fanes, raffigurante da sempre una marmotta, il clima cambiò. Ben presto fece della figlia Dolasilla un'amazzone imbattibile, aiutata dalle frecce infallibili e dalla corazza impenetrabile donatele dai nani. Con Dolasilla al suo comando il Regno si espanse fino al fatale incontro della principessa col guerriero nemico Ey de Net. I due, in realtà già incontratisi anni prima, si innamorarono e decisero di sposarsi. Il Re si oppose duramente fino alla fine, in quanto i nani gli avevano predetto che l'invincibilità di Dolasilla sarebbe durata solo fino a quando non si sarebbe sposata. Prevedendo la fine del suo regno, il Re vendette Dolasilla e il suo popolo, mandandoli allo sbaraglio nell'ultima battaglia, nella quale Dolasilla morì, uccisa dalle sue stesse frecce, rubatele con l'inganno dallo stregone Spina de Mul. Il Re traditore venne tramutato in pietra e i pochi supersititi del Regno dei Fanes si recarono con le marmotte in un antro sotto le rocce del loro regno, dal quale aspettano che suonino le trombe argentate che ne segnaleranno la rinascita.

» Sentiero tematico "Le leggende di Fanes" a San Vigilio Marebbe
» Sito di riferimento www.ilregnodeifanes.it

 

Il regno dei Fanes

Una leggenda di Fanes

In Dolomiti si racconta che, una volta all’anno, due misteriose figure femminili compaiono, a bordo di una barca, sulle limpide acque blu del Lago di Braies. La loro storia si perde negli anni che furono, ed è una storia di guerra, di amore, di tradimento. Che inizia nell'antico regno di Fanes.

Alle origini di questa leggenda, c’è l’alleanza delle regina di Fanes con il popolo delle marmotte. Un'alleanzache la regina tiene segreta quando prende, come marito, un re straniero.

Il nuovo re, ambizioso e guerrigliero, stringe invece un’alleanza con l’aquila fiammeggiante.

A qualche anno dal matrimonio, la regina dà alla luce due gemelle: Dolasilla e Lujanta. La madre, di nascosto, affida Lujanta alle marmotte come pegno dell’alleanza, ricevendo in cambio una piccola marmotta.

Anche il re deve dare un pegno analogo all'aquila, e affida le sue figlie ad un servo perchè si rechi al Monte Nuvolau per effettuare lo scambio. Il fagotto consegnato al perfido rapace, però, non contiene una bimba, bensì la piccola marmotta, abilmente e segretamente sostituita dalla regina in accordo con il servo.

Il servo, di ritorno dal Nuvolau, viene sorpreso dal perfido stregone Spina de Mul, che gli appare sotto forma di un mulo mezzo putrefatto. Lo stregone cerca di rapire la piccola principessa, ma fortunatamente interviene un giovane principe duranno, di nome Ey de Net, che annienta lo stregone colpendolo con un sasso.

Spina dal Mul, cadendo, perde una preziosa gemma chiamata "Rajëta". Ey dal Net la raccoglie, e la dona alla piccola Dolasilla che viene riportata sana e salva al castello di Fanes.

Trascorrono parecchi anni, e quando Dolasilla raggiunge la maggiore età, il re di Fanes, sempre più rapito dalla sua ambizione, decide di recarsi con un gruppo di soldati alla ricerca del tesoro del Lago d’Argento. E di portare con sè anche la principessa.

Durante le ricerche nei boschi e tra le rocce che circondano il lago, i soldati trovano una scatola contenente un pezzo di pelliccia di ermellino e della strana polvere grigia. La consegnano alla principessa.

Improvvisamente, compaiono tre nani che supplicano Dolasilla di donar loro la scatola. I nani sembrano disperati, e la principessa, piena di compassione, li accontenta. Riconoscenti, i tre magici esserini la ricompensano rivelandole che, gettando la polvere nel lago, avrebbe potuto veder fiorire il tesoro. Le lasciano anche la pelliccia, dicendole di usarla per farsi fare una corazza: il suo destino è quello di diventare una valorosa guerriera.

Come in ogni incantesimo, però, c'è una condizione. Dolasilla non dovrà però in nessun modo andare in battaglia qualora la pelliccia cambiasse colore.

Nel tesoro del Lago d’Argento, Dolasilla trova inoltre delle frecce incantate e infallibili, che portano negli anni successivi, molte vittorie al suo popolo. Dolasilla viene incoronata come “stella” dei Fanes ed è, oltre che l'unica erede al trono, la vera eroina di Fanes.

Grazie ai poteri della figlia, il re di Fanes soddisfa le sue mire espansionistiche e conquista, ettaro dopo ettaro, tutto il territorio che circonda il regno. Non riesce più ad accontentarsi di nulla.

Un giorno, però, Dolasilla fa un sogno strano....
Avevamo lasciato Dolasilla, principessa guerriera, alle prese con una serie di conquiste che permettono a suo padre di espandere a dismisura il regno di Fanes. Una notte, però, le comparve in sogno il Principe dei Cajutes, ucciso durante una battaglia, che la esortò a smettere di combattere con le armi fatate e di portare pace nel regno.

Dolasilla, turbata dal sogno, ne parlò col padre. Ma il re, tutto preso dalle mire espansionistiche, se ne infischiò e continuò a coinvolgere la figlia in nuove battaglie.

Ma qualcuno, tramava alle spalle della famiglia reale. Il perfido stregone Spina de Mul, che aveva cercato di rapire Dolasilla quand'era in fasce, sobillava le popolazioni perchè si unissero contro i Fanes. Non solo. Aveva iniziato a cercare Ey de Net, il giovane principe duranno che salvò la principessa dal tentativo di rapimento. Spina dal Mul volveva che si avvicinasse a Dolasilla per condurla fuori dai combattimenti, e impedir all'esercito di usare le frecce infallibili.

Ey de Net, rintracciato, accettò la proposta dello stregone, e incontrò Dolasilla nella battaglia di Fiames. Il perfido stregone, però, studiava un tradimento: attese il momento propizio e poi, nella concitazione del combattimento, ferì gravemente Dolasilla.

Il principe, che rivedendo la splendida fanciulla aveva provato un tuffo al cuore, la portò subito in salvo offrendole le prime cure. Poi, la riportò al castello tra le braccia dei genitori. Ma non si sentiva tranquillo, temeva che lo stregone, assetato di potere, potesse cercare di nuovo di uccidere la principessa.

Così, il principe si rivolse alla potente maga Tsicuta, che lo consigliò di fare forgiare dai nani del Latemar uno scudo per la protezione della principessa. Uno scudo che fosse tanto pesante da non potere essere portato da nessun altro all’infuori di lui.

Dolasilla nel frattempo guarì e il re, anch'egli preoccupato della sua incolumità, commissionò ai nani del Latemar uno scudo che potesse proteggerla anche da armi fatate. I nani pensarono che si trattasse dello stesso scudo richiesto da Ey de Net, e costruirono solo un esemplare, di una pesantezza inaudita.

Quando lo scudo venne portato al castello di Fanes, nessuno fu in grado di alzarlo. Venne indetto un concorso tra i soldati e i cittadini: chi fosse riuscito ad alzarlo, sarebbe stato ammesso al seguito di Dolasilla con l'incarico di proteggerla. Ey de Net, cammuffando le sue origini regali, si si presentò a corte e fu l'unico ad alzare lo scudo.

Così ricominciarono le battaglie e i successi, con Dolasilla in prima linea e Ey dal Net al suo fianco. Il legame tra i due ragazzi si fa sempre più stretto e, dopo alcuni mesi, Ey de Net chiede al re la mano di Dolasilla, che desidera smettere di combattere.

Ma il re, a queste parole, si adira...

Avevamo lasciato Dolasilla, principessa guerriera della Val di Fanes, a combattere al fianco del principe Ey de Net, per soddisfare le mire espansionistiche del padre, Re di Fanes. Giorno dopo giorno, battaglia dopo battaglia, tra i due giovani scocca la scintilla dell'amore, in Dolasilla nasce il desiderio di smettere di combattere. Ma non sarà così facile...

Quando infatti il principe Ey de Net chiede al re la mano di Dolasilla, questi si adira vedendosi ostacolato nei suoi desideri imperialistici. Invece di benedire l'unione dei due innamorati, il re bandisce Ey de Net dal regno.

Dolasilla, col cuore infranto, dichiara al padre che non andrà mai più a combattere senza il suo amato.

Il re di Fanes è senza via d'uscita: proprio adesso che aveva deciso di conquistare la Valle Aurona, ricchissima d'oro, si ritrova senza Dolasilla e le sue armi stregate, che finora gli avevano garantito il successo in tutti i territori che aveva invaso.

La sua fame di potere è impossibile da placare, e il re cede ad un'alleanza maledetta. Tradisce il suo popolo stringendo un patto con dei nemici, desiderosi di ribellarsi contro il regno di Fanes, affinché lo aiutino a conquistare l’oro dell’Aurona.

Il Re si nasconde sul Lagazuoi, mentre Fanes viene attaccata dal nemico. Attende che i suoi alleati, come pattuito, lo ripaghino del suo tradimento con i tesori conquistati a Fanes e lo aiutino poi a conquistare le ricchezze dell’Aurona.

Ma non tutto va come previsto. Di fronte al pericolo di un'invasione, Dolasilla si sente costretta ad impugnare le armi per salvare la sua gente, si getta nella battaglia.

In quei giorni, Ey de Net si trova al Lech de Lunedes, dove le fate Mjanines gli appaiono improvvisamente, per metterlo al corrente del tradimento del re di Fanes. Non solo: riceve una terrificante profezia: l’imminente morte della principessa amata, a cui il perfido mago Spina de Mul sta preparando una trappola per metter fine una volta per tutte al regno di Fanes. Cavalcherà a lungo per salvarla, ma non ci riuscirà.

E' ormai la sera prima della battaglia finale, e Dolasilla cavalca sconsolata sui prati dell’Armentara rimpiangendo i momenti felici con il suo principe. Improvvisamente viene circondata da tredici strani bambini, che la convincono a regalar loro tredici delle sue frecce.

Ecco il piano di Spina de Mul: uccidere Dolasilla con le sue stesse armi. I bambini non erano altro che una sua stregoneria.

L’ indomani Dolasila nota che la sua corazza è diventata scura e ricorda la profezia delle fate del lago. Capisce di essere in grave pericolo, tuttavia non rinuncia a combattere. Il tragico presagio diviene realtà dopo poco: Dolasilla viene colpita al cuore dalle sue frecce infallibili.

Spina de Mul è trionfante. Corre subito sul Lagazuoi e pietrifica il re traditore, trasformandolo.....

Nel frattempo, a Fanes è il caos. L'esercito batte in ritirata e la regina ormai è sola. Non le resta che chiedere aiuto alle alleate marmotte, cui aveva affidato la gemella di Dolasilla quand'era ancora in fasce. Le marmotte mandano Lujanta a Fanes. La principessa, che tutti scambiano per Dolasilla, conduce in salvo il popolo presso il Morin di Salvans, nel regno sotterraneo delle marmotte.

Il popolo è salvo, ma resta imprigionato nel regno delle marmotte. Fanes infatti viene distrutta, e la battaglia finale sulla Furćia dai Fers viene vinta dai nemici.

Da allora, una volta all’anno, Lujanta e la regina compaiono in una barca sul Lago di Braies, sotto il quale si troverebbe una porta che conduce all’ ultimo rifugio dei Fanes. Sono ancora in attesa del tempo promesso, nel quale i Fanes conosceranno di nuovo pace e prosperità.

Il regno dei Fanes


Print Friendly and PDF
Latitude: 46.60900 ° Longitude: 12.01500 °
Calcola percorso
Partenza da: Via CAP Città
LINKS & METEO
SCRIVIAMO


Immagini panoramiche della Val Badia
  Hits 15472 from 27/01/11  
Bookmark

Info Tours Panorama
Home »
Val Badia - Artigianato »
Bici e mountainbike in Val Badia - Dolomiti »
Chi siamo »
Chi siamo - La Ladinia »
Comprensori - Alta Badia »
Comprensori - Plan de Corones / Kronplatz »
Comprensori - Val Gardena »
Comprensori della Ladinia »
Consigli per l'escursionista »
Cucina ladina »
Cucina ladina - Cajincì te ega / Mezzelune tirolesi »
Cucina ladina - Canederli allo speck in brodo / Bales da cioce »
Cucina ladina - Crostata »
Cucina ladina - Crosti »
Cucina ladina - Frappe fritte / Furtaies »
Cucina ladina - Frittelle alla marmellata / Fëies da marmulada »
Cucina ladina - Herrengröstl / Grestl »
Cucina ladina - Miele al dente di leone / Mil cun ciüf de salata de prè »
Cucina ladina - Minestra d'orzo / Panicia »
Cucina ladina - Mosa di grano saraceno / Jüfa de Poia »
Cucina ladina - Omlette spezzata / Pösl »
Cucina ladina - Pasta lievitata con crema alla vaniglia / Buchteln »
Cucina ladina - Sciroppo di sambuco / Höula »
Cucina ladina - Strudel di mele / Strudel da pom »
Cucina ladina - Tiramisù »
Cucina ladina - Torta di grano saraceno / Turte de poia »
Cucina ladina - Torta di mele / Turte da pom »
Cucina ladina - Tutres / Tirtlen »
Cucina ladina - Vaschette fritte / Crafuns morì »
Da visitare - Istitut Ladin Micurà de Rü »
Da visitare - Musei - La Grande Guerra sul fronte dolomitico »
Da visitare - Percorsi Tematici »
Da visitare - Val Badia - Alta Badia - Marebbe »
Da visitare - Val Badia - Casa Natale S. Ojöp Freinademetz da Oies »
Da visitare - Val badia - Castel Badia a San Lorenzo di Sebato »
Da visitare - Val Badia - Castelli e residenze nobiliari »
Da visitare - Val Badia - Centro visite Parco Naturale Fanes-Senes-Braies »
Da visitare - Val Badia - Chiesa di San Genesio / Dlijia vedla da La Val »
Da visitare - Val Badia - Chiesa di Santa Barbara a La Val »
Da visitare - Val Badia - Les Viles »
Da visitare - Val Badia - Museo Ursus Ladinicus »
Da visitare - Val Badia - Museum Ladin Ciastel de Tor »
Da visitare - Val Badia - Ospizio Santa Croce »
Da visitare - Val Badia - Sotciastel: un insediamento dell'età del bronzo »
Da visitare - Val Badia - Valle dei mulini Longiarù / Val di Morins Lungiarü »
Da visitare - Val di Funes - Centro visite Parco Naturale Puez-Odles »
Desktop-Wallpaper della Val Badia e Alta Badia da scaricare gratis! »
Dolomiti Patrimonio dell Umanità Unesco »
Dove si trova la Val Badia »
Escursioni e passegiate nella Ladinia - Dolomiti. »
Eventi e manifestazioni in Alta Badia »
Eventi e manifestazioni in Val Gardena »
Eventi e manifestazioni Plan de Corones / Kronplatz »
Foto Val Badia - Alta Badia - Plan de Corones - Dolomiti »
Geologia delle Dolomiti »
Guida linguistica: Italiano-Ladino »
Guide alpine in Val Badia - Dolomiti »
Il piacere di camminare »
Il regno dei Fanes »
L'orso delle Conturines »
La lingua ladina delle Dolomiti »
La natura: le più belle montagne del mondo - Dolomiti - Alto Adige »
La storia della Val Badia »
Le tavolette enigmatiche di Sotciastel »
Leggende e storie ladine - La Bisca Blancia »
Leggende e storie ladine - Le Dragun de Sas dla Crusc »
Leggende e storie ladine - Le Lech dl Ergobando »
Leggende e storie ladine - Le Mandl de Aunejia a Ras »
Leggende e storie ladine - Le Paisc dl Or y dles Löms »
Leggende e storie ladine - Le Paur da Corvara y l'Orco »
Leggende e storie ladine - Le Salt de Fanes »
Leggende e storie ladine - Le Salvan da Juvel »
Leggende e storie ladine - Le Salvan de Frara »
Leggende e storie ladine - Le Scioz de Santa Berbura »
Leggende e storie ladine - Les Ciampanes da Lungiarü »
Leggende e storie ladine delle Dolomiti. »
Mappe e sentieri delle Dolomiti »
Panoramiche immersive - Dolomiti »
Parco Naturale delle Dolomiti d'Ampezzo »
Parco Naturale Fanes-Senes-Braies »
Parco Naturale Puez-Odle »
Personalità Ladine »
Personalità ladine - Angelo Trebo »
Personalità ladine - Arcangiul Lardschneider da Ciampac »
Personalità ladine - Catarina Lanz »
Personalità ladine - Franz Angel Rottonara »
Personalità ladine - Franz Kostner »
Personalità ladine - Jan Batista Alton »
Personalità ladine - Jepele Frontull »
Personalità ladine - Karl Unterkircher »
Personalità ladine - Luis Trenker »
Personalità ladine - Micurà de Rü »
Personalità ladine - Ojep Antone Vian »
Personalità ladine - Santo Ujöp Freinademetz »
Personalità ladine - Sepl Moroder da Jumbiërch / Lusenberger »
RSS Ladinia - Dolomiti »
Scalate e vie ferrate in Val Badia - Dolomiti »
Sellaronda - Lo Skitour più conosciuto delle Alpi »
Situazione e previsioni Meteo in Val Badia - Dolomiti »
Sport invernali - Arrampicata su Ghiaccio. »
Sport invernali - Ciaspole / Racchette da neve e paseggiate. »
Sport invernali - Pattinaggio »
Sport invernali - Sci & Snowboard »
Sport invernali - Sci Alpinismo & Freeride »
Sport invernali - Sci di Fondo »
Sport invernali - Slittino »
Sport invernali nelle Dolomiti »
Storia dell’alpinismo in Val Badia e Alta Badia - Dolomiti - Alto Adige »
Tagclouds - Visualizzazione link più popolari su Ladinia »
Val Badia »
Val Badia - Alta Badia »
Val Badia - Antermoia / Antermëia »
Val Badia - Badia, Pedraces e San Leonardo / San Linert »
Val Badia - Colfosco / Calfosch »
Val Badia - Corvara »
Val Badia - Immagini panoramiche delle Dolomiti »
Val Badia - La Valle / La Val »
Val Badia - La Villa / La Ila »
Val Badia - Longiarù / Lungiarü »
Val Badia - Pieve di Marebbe / La Pli de Mareo »
Val Badia - Rina - Marebbe »
Val Badia - San Cassiano / San Ciascian »
Val Badia - San Martino in Badia / San Martin de Tor »
Val Badia - San Vigilio Marebbe / Al Plan de Mareo »
Val di Fassa / Val de Fascia »
Val Gardena - Ortisei / Urtijëi »
Val Gardena - Santa Cristina »
Val Gardena - Selva di Val Gardena / Sëlva »
Val Gardena / Gherdëina »
Valle d'Ampezzo / Val de Anpezo »
Valle di Livinallongo / Val de Fodom »
Video Ladinia: I filmati esclusivi dalla Ladinia »
Video Val Badia - Dolomiti »
Webcam Ampezzo »
Webcam Livinallongo »
Webcam Longiarù »
Webcam Val Badia »
Webcam Val di Fassa »
Webcam Val Gardena »
Tours »
Alta Via Fanis - Cengia Veronesi (16.4 km) »
Alta Via Günter Messner/Günter Messner Steig (16.1 km) »
Altavia Dolomiti 2 Tappa 2 / Dolomitenhöhenweg 2 Etappe 2 (12.8 km) »
Altavia Dolomiti 2 Tappa 3 / Dolomitenhöhenweg 2 Etappe 3 (11.2 km) »
Altavia Dolomiti 2 Tappa 4 / Dolomitenhöhenweg 2 Etappe 4 (9.2 km) »
Antersasc - Crëp das Dodesc (9.8 km) »
Badia - Armentara - La Crusc (18.3 km) »
Badia - La Villa, giro in bicicletta (11 km) »
Banch dal Sè (12.9 km) »
Börz - Costaces (3.3 km) »
Börz - Sotpütia (3.7 km) »
Cammino di San Giacomo - Val Pusteria (81.9 km) »
Cammino di San Giacomo: Brunico - Vandoies di Sotto (22.9 km) »
Cammino di San Giacomo: Monguelfo - Brunico (19.6 km) »
Cammino di San Giacomo: Prato Drava - Monguelfo (25.3 km) »
Cammino di San Giacomo: Vandoies di Sotto - Novacella (14 km) »
Capanna Alpina - Lè de Lagaciò (3 km) »
Castelli e residenze nobiliari in Val Badia (32.8 km) »
Cëindles (1964 m) (3.4 km) »
Ciastlins - Senes - Pederü (23.9 km) »
Cima Laste / Astjoch (13.3 km) »
Cima Pisciadù (3.8 km) »
Col Bechei - Fanes (20.8 km) »
Col Cöce (7 km) »
Conturines e Lavarella (10.9 km) »
Corn - Rit - Crusc de Rit (16.6 km) »
Corn de Pezes (20.3 km) »
Corn Rit (16.3 km) »
Corvara - Pralongià - Passo Valparola (10.1 km) »
Crëp das Dodesc - Piza de Antersasc (12.1 km) »
Crëp de Sela (9.7 km) »
Crusc de Rit (11.8 km) »
Dlira - Rüdeferia (6.6 km) »
Falzarego - Rifugio Averau, Nuvolau, Scoiattoli (10.3 km) »
Fanes - Ra Stua - Fodara Vedla (27.1 km) »
Fanes in libertà (20.1 km) »
Ferrata degli Alpini - Col dei Bos (3.7 km) »
Ferrata G. Lipella - Tofana De Rozes (10.6 km) »
Ferrata Pertini allo Stevia / Klettersteig (7.7 km) »
Ferrata Tomaselli (10.5 km) »
Ferrata Tridentina (4.1 km) »
Ferrate sulla Tofana di Mezzo e Tofana di Dentro (14.5 km) »
Forcela dl Lech – Lech de Lagaciò – Rifugio Scotoni (9.8 km) »
Fraps (3.1 km) »
Funtanacia (10.9 km) »
Galleria Lagazuoi (5.1 km) »
Giro del castello Tor - Museumladin (5.2 km) »
Giro delle tre chiese (7.7 km) »
Gran Cir (1.6 km) »
Gruppo del Sorapiss e Sela de Ponta Negra (17.6 km) »
Intorno al Putia (32.8 km) »
Juvel - Col dai Oi (8.6 km) »
Kronplatz - Plan de Corones (9.2 km) »
L Ciaval 2911 m - Sasso Croce (18.9 km) »
La Crusc - Armentara (12.8 km) »
Lago del Sorapis (6.2 km) »
Lè de Rina / Glittner See (15.1 km) »
Le due montagne (32.8 km) »
Le Seneser - Picio Sas dla Porta (16.8 km) »
Lech dl Dragon - Furcela dai Ciamorces (7.4 km) »
Lech dla Crëda - Ciastlins - Fojedöra (16.4 km) »
Longiarù - Colfosco (12.3 km) »
Longiarù - Juvel - Chi Jus - Longiarù (16.4 km) »
Longiarù - monastero di Sabiona - Chiusa (32.6 km) »
Malga Vaciara Hütte (11.4 km) »
Malga Valparola (4.1 km) »
Memento vivere (1.5 km) »
Monte Muro (12.1 km) »
Monte Pore (2.8 km) »
Munt da Rina (28.3 km) »
Munt da Rina - Lè de Rina (13 km) »
Muntejela de Senes (17.5 km) »
Pares - Dodesc Apostui (3.5 km) »
Pares - Furcela de Furcia (11 km) »
Passage a nord-ovest - Roda de Plunsara (4.6 km) »
Passo Gardena - Longiarù (23.5 km) »
Passo Gardena - Sella - Passo Pordoi (9.8 km) »
Passo Gardena - Valle Stella Alpina - Pescosta (8.4 km) »
Pederoa - Armentara - Santa Croce (17.4 km) »
Pederoa - Pramperch - Aiarëi - Picedac (5.4 km) »
Pederü - Braies (27.1 km) »
Pederü - Capanna Alpina (15.8 km) »
Pederü - Fanes - Ra Stua - Senes - Pederü (25.7 km) »
Pederü - Lavarela (25.5 km) »
Pederü - Sesto Pusteria / Sexten (43.7 km) »
Pederü Sas dales Diesc / Sasso delle Dieci / Zehner (21.1 km) »
Pedraces - Chi Jus - Longiarù - Pedraces (20.7 km) »
Piccolo Cir (3 km) »
Piccolo giro dei masi (7.3 km) »
Picolin - Col dl´Ancona - Ju - Al Plan (6.5 km) »
Piz Boè 3152 m (8.4 km) »
Piz da Peres (5.8 km) »
Piz de Lavarela 3055 m (6.2 km) »
Piz Duleda 2909 m (20.7 km) »
Piz Somplunt - Gran Capuziner (2735 m) (13.7 km) »
Plan de Corones / Kronplatz Tour (55.1 km) »
Pralongià (5.8 km) »
Puez Tour (20.8 km) »
Punt da Rü Fosch - Juvel (5.8 km) »
Punta Tre Dita (4.8 km) »
Rifugio Bain de Dònes - Rifugio Nuvolau (10.4 km) »
Rifugio Franz Kostner al Vallon (8.4 km) »
Rifugio Gardenacia 2050 m (5.2 km) »
Rifugio Genova (2297 m) (16.5 km) »
Rifugio Puez 2475 m (5.3 km) »
Roda de Col de Lasta (11 km) »
Roda de Pütia (11.6 km) »
Roda de Settsass (15.7 km) »
Roda dl Pisciadù (9.1 km) »
Roda dl Sassongher (11.9 km) »
Roda dla Tofana de Rozes (11.8 km) »
Roda dles Odles (26.3 km) »
Roda dles Viles (9.1 km) »
San Cassiano - La Crusc / Santa Croce (6.4 km) »
San Martino - Rifugio Genova - Rifugio Puez (21.9 km) »
San Vigilio - Lago di Braies (15.4 km) »
Sarè - Gran Fanes - Monte Castello (22 km) »
Sas Ciampac (6 km) »
Sas dales Diesc 3026 m - Sasso Croce (20.8 km) »
Sas dales Nü / Sasso delle Nove / Neuner (8.5 km) »
Sas de Pütia (2875 m) da Seres (7 km) »
Sas de Pütia (2875 m) da Vi (8.7 km) »
Sas dla Crusc Tour (25.5 km) »
Sas dla Para (Lavinores) (5.3 km) »
Sas dla Porta / Croda del Beco / Seekofel (9.5 km) »
Sas Rigais (3025 m) (9.4 km) »
Sass de Stria (2.4 km) »
Sebatum: percorso didattico (2.4 km) »
Sella Tour (22.7 km) »
Senes - Biella - Fodara Vedla (19.1 km) »
Sentiero attrezzato Astaldi (2.2 km) »
Sentiero dei Kaiserjäger (11.8 km) »
Sentiero delle cascate Corvara - Colfosco (7.8 km) »
Sentiero meditazione (2.5 km) »
Sentiero Michael Plattner Weg (11.7 km) »
Seres - Col di Poma (10.8 km) »
Settsass 2571 m (6.6 km) »
Spëscia - La Crusc (14.6 km) »
Spizan (1838 m) (9.9 km) »
Stala da Vi (8.4 km) »
Störes - Pralongià - Bioch - Ciampac - Soraghes (16.4 km) »
Teriol Ladin - Col di Lana (12.3 km) »
Ties - Chi Jus (4.4 km) »
Travenanzes (27.9 km) »
Tru Cultural Badia (10.9 km) »
Tru di Lêc (6.4 km) »
Tru di lersc (1.1 km) »
Tru di Tiers Salvari (3.8 km) »
Tru dles liondes (2.6 km) »
Tru liösa Foram (3.7 km) »
Tru Vistles (3.5 km) »
Ursus ladinicus (8.7 km) »
Val - Costa - Ras (4 km) »
Val de Mezdi - Rifugio Boè / Bamberger Hütte (5.3 km) »
Val di Morins (5.5 km) »
Valon Bianco (11.1 km) »
Verda - Pedraces (5.4 km) »
Vi - Göma - Col Varencinch (9.2 km) »
Vi - Göma - Pespach - Vi (13.8 km) »
Via della Pace (25 km) »
Via Ferrata Mesules (13.2 km) »
Viel Del Pan (6.9 km) »
Üties de Fojedöra (13.5 km) »
Panorama »
Abbazia di Novacella / Kloster Neustift »
Adererbach »
Al Plan - Piste da sci Piz de Plaies Skipiste »
Al Plan / San Vigilio »
Al Vallon - Guppo del Sella »
Alfarëi »
Ander de Curëia »
Antersasc »
Antersasc »
Antersasc »
Armentara »
Armentarola - San Cassiano »
Arte contadina »
Badia »
Badia - Pransarores »
Balzè - Longiarù »
Brunico / Bruneck »
Brunico centro storico »
Capela da Bioch »
Capela da Seres Misci »
Capela de San Silvester »
Capella Seres - Miscì »
Castel Gardena »
Castello di Brunico »
Cengia Veronesi - Alta Via Fanis »
Chiusa di Rio Pusteria / Mühlbacher Klause »
Cialdires »
Cialdires - Les fontanes »
Cialneur - Longiarù »
Ciampëi - La Val »
Ciampëi - La Val »
Cianô dl Sartù »
Ciano dl Sartù da Vi »
Ciasa nadè dl sant Josef Freinademetz da Oies »
Ciastel de Andraz / Castello di Andraz »
Ciastel de Colz - La Ila »
Ciastel de Tor - San Martino »
Ciastel de Tor - San Martino »
Ciastel de Val / Castel Wolkenstein »
Cima Nuvolau »
Cima Tullen 2653 m »
Cinque Torri - Cortina »
Cinque Torri - Cortina »
Cir - Danter les Pizes »
Col Bechei »
Col de Lasta (Picio) »
Col de Pöz »
Col di Lana »
Col Plü Alt - Gardenacia »
Colfosco »
Colfosco »
Colfosco »
Colz - La Val »
Corvara »
Costacia - Pütia »
Costacia - Pütia »
Crëp das Dodesc »
Crepe dei Ronde »
Crusc da Rit »
Curt - San Vigilio di Marebbe »
Dlija vedla da La Val - Ciampanin »
Dlijia Al Plan Mareo / Chiesa San Vigilio Marebbe »
Dlijia da Calfosch »
Dlijia da Curt - San Vigilio di Marebbe »
Dlijia da La Crusc (interno) »
Dlijia da La Crusc (interno) »
Dlijia da La Ila »
Dlijia da La Pli »
Dlijia da La Val »
Dlijia da Lungiarü »
Dlijia da Sacun »
Dlijia da San Ciascian / Chiesa di San Cassiano »
Dlijia da Urtijëi (Chiesa Parrocchiale di Ortisei) »
Dlijia de Badia »
Dlijia de Sant Antone da Picolin »
Dlijia de Santa Barbura »
Dlijia de Santa Caterina a Corvara »
Dlijia dl sant Josef Freinademetz da Oies »
Dlijia Vedla - La Val »
Dlijia Vedla / Chiesa di San Genesio - La Val »
Fanes »
Fanes »
Fanes »
Fanes - Le cascate »
Fanes - Lè Vërt »
Fanes - marmitte dei giganti »
Fodara Vedla »
Forcela Cir »
Forcela de Pana »
Fujina dl Sartù »
Funtanacia »
Funtanacia - Longiarù »
Funtanacia - Longiarù »
Funtanacia - Piz Duleda - Cresta da Lungiarü »
Furcela de Furcia »
Fussè »
Gran Cir »
Gran Cir »
Gran Fanes »
Gran Fanes »
Gran Fanes »
Gran Fanes »
Hotel Dolasilla - La Villa »
Jù de Limo - Fanes »
Ju de Pöz »
Jù de Sant Antone »
Juvac 2486 m »
La Crusc / Ospizio Santa Croce »
La Crusc 1 - Badia »
La Crusc 2 - Badia »
La Grande Guerra sul fronte dolomitico - Lagazuoi »
La Grande Guerra sul fronte dolomitico - Lagazuoi »
La Ila Alta - La Villa »
La Para »
La Val »
Lago di Braies »
Lago di Fedèra »
Lago Pisciadù e Rifugio Cavazza al Pisciadù »
Lavoro contadino »
Lè de Senes »
Lech da Sompunt »
Lech de Lagaciò »
Lungiarü »
Lungiarü »
Lungiarü »
Mantëna - Al Plan / San Vigilio »
Miscì - Longiarù »
Monastero di Sabiona - Chiesa della Santa Croce »
Monte Pore (2405 m) »
Monte Sief »
Morin dl Jëinder »
Mostra fotografica di Pire Ploner nei pressi di La Crusc »
Munt de Senes »
Museo della Grande Guerra - Forte Tre Sassi »
Museo diocesano - Palazzo Vescovile »
Museum Ladin Ciastel de Tor »
Novacella / Neustift »
Para da Crusc de Fer 2101 m - La Villa »
Passo delle Erbe / Würzjoch »
Passo Falzarego »
Passo Gardena / Grödner Joch »
Passo Giau »
Passo Valparola »
Passo Valparola - Forte Tre Sassi »
Piccola Alpe di Fanes »
Piccolo Lagazuoi »
Piccolo Lagazuoi - Sentiero dei Kaiserjäger »
Pice Cir »
Piramidi di Plata »
Piz da Peres »
Piz de Pöz (2913 m) »
Piz dles Conturines (3064 m) »
Piz Duleda (2908 m) »
Piz Somplunt - Gran Capuziner (2735 m) »
Plan - San Martino »
Plaza da La Pli de Mareo »
Plotten - La Villa Alta Badia »
Pransarores »



Dolomites Dolomiti Dolomiten
Val Badia
Val Gardena
Val di Fassa
Valle di Livinallongo
Valle d'Ampezzo
Sede
Lungiarü 72
39030 San Martin de Tor (BZ)


tel. 0474 590013
info@ladinia.it


Seguici su
facebook/LADINIA.it
twitter/LADINIAit
pinterest/LADINIA

Created and maintained by Madem.it
© 2001-2013 | Credits | p.iva 02327830218