Home Tours
« Indietro

 

 


  Val di Morins
  Longiaru / Campill
  Percorso circolare | Difficoltà
Mappa
Profilo altimetrico
Map
Profile
Download Google Earth KMZ
Download GPX
  Partenza: Longiarù
  Arrivo: Longiarù
  Adatto per: Sentiero tematico
  Quota minima: 1395 m
  Quota massima: 1657 m
  Dislivello: 262 m
  Lunghezza percorso: 5.513 km
  Durata stimata: 3:00 h
  Segnavia: Val di Morins
  Periodo consigliato:

Aprile - Ottobre

  Cartografia:

Carta Turistica ed. Kompass n. 56, scala 1:50.000. Parco Naturale Puez-Odle, ed. Tabacco, Scala 1:25.000. Uffici turistici della zona.

La Val di Morins (Valle dei Mulini) a Longiarù può essere raggiunta comodamente in machina ma per chi ha voglia di vedere di più e fare una bella camminata consigliamo di partire dal paese di Longiarù a piedi. Il sentiero è segnato con l’indicazione "Val di Morins" e dopo una mezzora di cammino si arriva ai primi mulini. Questo tratto del rio Seres denominato "Val di Morins" comprende 9 impianti ad acqua, tutti restaurati e perfettamente funzionanti. Lungo la discesa si può visitare la "Vila di Seres" e la "cialciara", il vecchio forno che veniva usato per la produzione della calce.

Chiesa di Santa Lucia Lat: 46.640923 Lon: 11.861846 1398 m
Una cappella in onore di San Iodocus è attestata nel 1371. Nel 1488 l’intero paese fu distrutto da una frana, e in seguito fu costruita una chiesa di stile tardo gotico. L’attuale chiesa risale al 1865/67. Gli affreschi sono opera di Francesco Rudiferia. Nel 1972 essa ha subito una radicale ristrutturazione. Sulla pala dell’altare maggiore sono raffigurate Santa Agnese, Santa Lucia (patrona della chiesa) e Santa Agata. Sugli altari si possono ammirare i dipinti di San Iodocus, un cacciatore con il cane, e della morte di San Giuseppe.

La Cialciara Lat: 46.632687 Lon: 11.847708 1546 m
La cialciara è un manufatto di forma cilindrica, realizzato in pietra utilizzato per la produzione della calce. All’interno della cialciara si costruiva un forno a cupola in pietra; al di sopra della cupola venivano accumulate le pietre calcaree fino alla sommità della costruzione. Il cumulo veniva poi ricoperto con fogliame e paglia e sigillato con uno strato di argilla. Nella costruzione del forno venivano infisse nella volta lunghe pertiche in legno che una volta bruciate, lasciavano i fori per il tiragio dell’area. Il forno veniva acceso e alimentato con legna per sei giorni e sei notti: il processo di combustione richiedeva circa 120 metri cubi di legna stagionata. Al termine della combustione, per evitare un raffreddamento troppo rapido delle pietre, veniva accuratamente murata l’apertura d’alimentazione del forno. La calce così prodotta in parte veniva immagazzinata pronta per l’uso, in parte veniva spenta in buche scavate nel terreno e riempite d’acqua.

Frëina Lat: 46.636732 Lon: 11.854191 1463 m
La Vila di Frëina è citata per la prima volta nel 1482. L’insediamanto è vasto ed eterogeneo, originato dalla recente dilatazione e dalla connessione di due piccoli nuclei originali.

Teleferica Lat: 46.635976 Lon: 11.845851 1566 m
Questo tipo di macchina ad acqua era un tempo molto diffusa sul territorio della Val Badia. Oggi ne rimangono pochissime, perlopiù allo stato di rudere. La puleggia posta all’interno del fabbricato, coassiale rispetto alla ruota idraulica, muove il cavo della teleferica, sorretta lungo il percorso da tralicci di legno, e trasmette il movimento ad una puleggia posta all’interno del fienile del maso a Miscì. Quì attraverso un meccanismo di riduzione del moto, vengono azionati alcuni macchinari agricoli (una trebbiatrice, una trancia-fieno ed una mola per affilare attrezzi).

Mulino da Iaco Lat: 46.637289 Lon: 11.844603 1598 m

Mulino Lat: 46.637438 Lon: 11.842437 1619 m

Mulino a doppia ruota Lat: 46.637498 Lon: 11.841926 1626 m
Questo mulino presenta alcune particolarità: si tratta dell’unico, tra i mulini esistenti sul rio Seres, realizzato parzialmente con struttura muraria: è inoltre dotato, oltre al sistema per la macinazione dei cereali, di un pestino per l’orzo. Nel sistema a pestino, o pestello a pile o a percussori (morin a pires), l’albero della ruota è dotato di camme che, al girare dell’albero, sollevano i pestelli che ricadono nelle conche sottostanti dove è posta la granella.

Mulino a doppia ruota Lat: 46.638433 Lon: 11.840079 1657 m
Questo mulino è fornito di due distinti sistemi di macina: uno per la produzione di farina e un brillatoio per la decorticatura dell’orzo. Il brillatoio funziona tramite due piccole mole poste in posizione verticale dentro ad una vasca di pietra che contiene i grani ed imperniate alle due estremità di un albero orrizzontale a sua volta collegato ad un albero verticale mosso dalla ruota idraulica mediante il lubecchio e la lanterna.

Via Crucis Lat: 46.633853 Lon: 11.852253 1511 m
La Via Crucis parte da Longiarù e finisce vicino alla Calcara.

Altre info a questo link >>

Val di Morins Val di Morins Val di Morins Frëina La Cialciara Seres Val di Morins Val di Morins Longiarù (Chiesa di Santa Lucia) Val di Morins
Tours nei dintorni...

Piccolo giro dei masi | San Martino - Rifugio Genova - Rifugio Puez | Passage a nord-ovest - Roda de Plunsara | Malga Vaciara Hütte | Roda dles Viles | Cëindles (1964 m) | Spizan (1838 m) | Sas de Pütia (2875 m) da Seres | Punt da Rü Fosch - Juvel | Rifugio Genova (2297 m) | Longiarù - Juvel - Chi Jus - Longiarù | Juvel - Col dai Oi | Pedraces - Chi Jus - Longiarù - Pedraces | Sas de Pütia (2875 m) da Vi | Stala da Vi | Seres - Col di Poma | Fraps | Crëp das Dodesc - Piza de Antersasc | Vi - Göma - Col Varencinch | Pares - Furcela de Furcia | Funtanacia | Antersasc - Crëp das Dodesc | Vi - Göma - Pespach - Vi | Banch dal Sè | Roda de Pütia | Ties - Chi Jus | Rifugio Puez 2475 m | Piz Duleda 2909 m | Puez Tour | Le due montagne | Intorno al Putia | Pederoa - Pramperch - Aiarëi - Picedac | Altavia Dolomiti 2 Tappa 3 / Dolomitenhöhenweg 2 Etappe 3 | Piz Somplunt - Gran Capuziner (2735 m) | Tru di Lêc | Longiarù - Colfosco | Tru Cultural Badia | Börz - Sotpütia | Roda dles Odles | Passo Gardena - Longiarù | Badia - Armentara - La Crusc | Tru di Tiers Salvari | La Crusc - Armentara | Börz - Costaces | Alta Via Günter Messner/Günter Messner Steig | Giro del castello Tor - Museumladin | Tru Vistles | Memento vivere | Verda - Pedraces | Badia - La Villa, giro in bicicletta | Giro delle tre chiese | Rifugio Gardenacia 2050 m | Castelli e residenze nobiliari in Val Badia | L Ciaval 2911 m - Sasso Croce | Pederoa - Armentara - Santa Croce | Col Cöce | Altavia Dolomiti 2 Tappa 2 / Dolomitenhöhenweg 2 Etappe 2 | Monte Muro | Sas dales Diesc 3026 m - Sasso Croce | Ursus ladinicus | Corn - Rit - Crusc de Rit | Corn Rit | Sentiero Michael Plattner Weg | Spëscia - La Crusc | Lè de Rina / Glittner See | San Cassiano - La Crusc / Santa Croce | Picolin - Col dl´Ancona - Ju - Al Plan | Sas Ciampac | Roda dl Sassongher | Munt da Rina | Crusc de Rit | Sas Rigais (3025 m) | Altavia Dolomiti 2 Tappa 4 / Dolomitenhöhenweg 2 Etappe 4 | Pares - Dodesc Apostui | Passo Gardena - Valle Stella Alpina - Pescosta | Tru di lersc | Munt da Rina - Lè de Rina | Tru dles liondes | Piz de Lavarela 3055 m | Sas dales Nü / Sasso delle Nove / Neuner | Sas dla Crusc Tour | Dlira - Rüdeferia | Gran Cir | Piccolo Cir | Sentiero delle cascate Corvara - Colfosco | Ferrata Pertini allo Stevia / Klettersteig | Val - Costa - Ras | Tru liösa Foram | Longiarù - monastero di Sabiona - Chiusa | Roda dl Pisciadù | Ferrata Tridentina | Crëp de Sela | Piz da Peres | Fanes in libertà | Cima Pisciadù | Lech dl Dragon - Furcela dai Ciamorces | Corn de Pezes | Pederü Sas dales Diesc / Sasso delle Dieci / Zehner | Lech dla Crëda - Ciastlins - Fojedöra | Val de Mezdi - Rifugio Boè / Bamberger Hütte | Pralongià | Störes - Pralongià - Bioch - Ciampac - Soraghes | Pederü - Lavarela | Sella Tour | Via Ferrata Mesules | Ciastlins - Senes - Pederü | Conturines e Lavarella | Pederü - Capanna Alpina | Sentiero meditazione | Kronplatz - Plan de Corones | Punta Tre Dita | Rifugio Franz Kostner al Vallon | Plan de Corones / Kronplatz Tour | Passo Gardena - Sella - Passo Pordoi | Üties de Fojedöra | Corvara - Pralongià - Passo Valparola | Col Bechei - Fanes | Via della Pace | Sarè - Gran Fanes - Monte Castello | Forcela dl Lech – Lech de Lagaciò – Rifugio Scotoni | Capanna Alpina - Lè de Lagaciò | Cima Laste / Astjoch | San Vigilio - Lago di Braies | Malga Valparola | Valon Bianco | Muntejela de Senes | Roda de Settsass | Alta Via Fanis - Cengia Veronesi | Settsass 2571 m | Roda de Col de Lasta | Le Seneser - Picio Sas dla Porta | Piz Boè 3152 m | Sentiero dei Kaiserjäger | Travenanzes | Pederü - Fanes - Ra Stua - Senes - Pederü | Sas dla Para (Lavinores) | Fanes - Ra Stua - Fodara Vedla | Sas dla Porta / Croda del Beco / Seekofel | Sass de Stria | Pederü - Braies | Senes - Biella - Fodara Vedla | Ferrata Tomaselli | Sebatum: percorso didattico | Galleria Lagazuoi | Viel Del Pan | Teriol Ladin - Col di Lana | Ferrata degli Alpini - Col dei Bos | Cammino di San Giacomo: Brunico - Vandoies di Sotto | Cammino di San Giacomo - Val Pusteria | Roda dla Tofana de Rozes | Ferrata G. Lipella - Tofana De Rozes | Falzarego - Rifugio Averau, Nuvolau, Scoiattoli | Ferrate sulla Tofana di Mezzo e Tofana di Dentro | Cammino di San Giacomo: Monguelfo - Brunico | Sentiero attrezzato Astaldi | Cammino di San Giacomo: Vandoies di Sotto - Novacella | Rifugio Bain de Dònes - Rifugio Nuvolau | Monte Pore | Pederü - Sesto Pusteria / Sexten | Gruppo del Sorapiss e Sela de Ponta Negra | Lago del Sorapis | Cammino di San Giacomo: Prato Drava - Monguelfo |

Attenzione: Il persorso può subire variazioni. Non si assumono responsabilità in caso di incidenti o danni.